Home 2018-12-09T20:46:49+00:00

La Nostra Storia

L’Associazione Italiana Assistenza Spastici è un’associazione privata senza scopo di lucro che opera per tutelare e promuovere il diritto delle persone disabili alla riabilitazione, alla salute, all’educazione, all’istruzione, al lavoro e all’integrazione sociale, in armonia con quanto sancito dalla Costituzione Italiana e dalla Convenzione ONU sui diritti delle persone con disabilità.

Nata nel 1954 a Roma, oggi l’AIAS è presente sul territorio nazionale in 18 Regioni, grazie al sostegno di 8.500 Soci e alle attività di 96 Sezioni, di 4000 operatori e oltre mille volontari che operano in stretta collaborazione tra loro e con la sede centrale di Roma.

A fondare l’AIAS furono alcuni genitori di bambini cerebrolesi di Roma che, dopo aver constatato la carenza di strutture per i propri figli e avendo preso conoscenza delle iniziative associative in atto negli Stati Uniti ed in Gran Bretagna, sentirono l’esigenza di attivare in Italia una associazione privata in grado di provvedere alla prevenzione ed alla cura dei problemi legati agli esiti della paralisi cerebrale infantile e ai successivi aspetti esistenziali. Continua…

Come Accedere

E’ necessaria una visita specialistica (neurologica, neuropsichiatrica infantile, fisiatrica, psichiatrica) nella quale sarà elaborato il piano riabilitativo indicante la tipologia di trattamento e relativa frequenza, che dovrà essere presentato all’Ufficio H del Distretto territoriale di riferimento.

Il Distretto Sanitario invia la documentazione al Dipartimento di Medicina Riabilitativa, quest’ultimo inserisce l’utente in lista d’attesa, per poi inviarlo presso i Centri di Riabilitazione in regime domiciliare, ambulatoriale, semiresidenziale o residenziale, come da autorizzazione.

Continua…

Attività

Bacheca

5 x Mille

Area Riservata

Accesso al pannello di controllo riservato agli operatori dell’A.I.A.S. Palermo Onlus

Presepe vivente, Mercatino di Natale, Coro gospel e zampognari…con la partecipazione del vero Babbo Natale!!!

“Soltanto chi ci è stato può descrivere l’emozione e lo stupore degli spettatori che visitano il Presepe”…